Amministrative Vicenza 2018 In Evidenza 

Un augurio alla Maggioranza ed uno, ancora più sentito, all’Opposizione

Negli anni, tanti, trascorsi in Sala Bernarda sui banchi della Opposizione, e pure in quelli, pochi, trascorsi su scranni assessorili, ho sentito spesso ripetere da personaggi dell’ambiente politico-amministrativo, ma anche da tantissime persone estranee al “palazzo” ma comunque attente, che un conto era gestire la cosa pubblica e ben diverso  fare opposizione.

Giusta  considerazione ma spesso completata con una postilla  a mio avviso del tutto errata : facile dire no, quindi fare opposizione, molto più difficile governare.

Leggo, in questi giorni che esponenti  del PD e della coalizione che sosteneva Otello Dalla Rosa, e lo stesso Dalla Rosa, nel riconoscere la sconfitta, cosa questa certamente non confutabile,reagiscono con forza affermando che si tratta certo di una sconfitta ma che nel complesso il PD e la coalizione avrebbero dato buona prova, sia   per le percentuali di consenso ottenuto rispetto a pochi mesi addietro, sia per il ritrovato, o confermato, rapporto con il territorio. Questo per un numero considerevolmente  superiore di preferenze espresse rispetto alla coalizione vincente.

È un dato interessante che però non tiene conto della natura  di alcune delle realtà che operano nella coalizione Rucco. Ad esempio è ben noto che la Lega non ha tendenzialmente un grande interesse per le preferenze.

Ma non è questo l’elemento che mi colpisce maggiormente e favorevolmente. E’ il desiderio forte di recuperare gli spazi perduti e la voglia di rivincita.

Torno alla questione della opposizione facile o difficile. Una buona opposizione è cosa difficile  molto più di quanto non si pensi.

Il termine “buona” può avere  più di un significato e ognuno di questi risultare importante e non rinunciabile. Almeno due di questi significati sono fondamentali. Può essere l’operare  bene a favore della propria parte, cosa legittima, e ancora, operare bene per la comunità intera.

Conciliare le due ipotesi sarebbe cosa ottima, ma non sempre semplice da realizzare. Spesso la comprensibile ricerca del consenso al proprio partito cozza  con un atteggiamento di adesione a una proposta pur valida, proveniente da una parte avversaria.

Questo vale per tutti e due i ruoli, quello di Maggioranza e quello di Opposizione, ma accade che, in caso di penalizzazione da parte dell’opinione  pubblica, il maggior possibile danno sia proprio della Minoranza.

La Maggioranza  riesce solitamente far apparire un suo “cedimento” ad una  proposta della Opposizione  come dimostrazione di rispetto democratico, di buon senso ecc. ecc.

Buona, corretta, costruttiva, propositiva, ecc. sono aggettivi che si utilizzano comunemente proprio a completamento del termine opposizione.  Se ne usano anche altri, quali  dura, forte, ferrea,intransigente,severa ecc. ma  questi non rientrano nel mio ragionamento, almeno per il momento.

Torno ai termini positivi per concludere  con una mia opinione, nata  non solo dalla diretta esperienza ma  anche da una lunga osservazione degli accadimenti  nelle diverse assemblee comunali, provinciali e oltre. Ritengo che  una buona gestione, quindi una Maggioranza che esprima un esecutivo capace  e in grado di  giungere a risultati positivi per i propri amministrati, necessita  di una ottima Opposizione, ed è questo l’augurio che faccio a tutti i nuovi amministratori, di maggioranza e opposizione, ricordandomi che  i ruoli delle due parti sono egualmente importanti. Uno per  gestire  e l’altro per esercitare sia il controllo e fungere inoltre da stimolo.

Non è per niente facile  fare una “buona” opposizione. E’ un compito complesso e scarsamente riconosciuto ma sicuramente importante e qualificante. Utile, anzi indispensabile, per una reale azione democratica nel comune servizio della res publica.

Mario Giulianati

Related posts

Leave a Comment