Avevamo promesso che Vicenza sarebbe stata una città sicura

Da VICENZA PIU’  del 04/04/2018-  B

Pizzicotti n. 4 all’amministrazione Variati dieci anni dopo le sue Linee programmatiche per Vicenza comunità: un’altra “barzelletta”

Di Mario Giulianati|

Una città è una comunità fatta di individui, famiglie, associazioni, organizzazioni sociali, soggetti economici, realtà attive nel mondo della cultura, della scuola e dello sport. Governare una città significa dare voce alle istanze di ciascuno di questi diversi soggetti, trovando una sintesi tra le loro esigenze che sia guidata da un solo criterio: promuovere il bene comune. Vogliamo dare sicurezze a una città che in questi anni ha espresso troppe paure.“. Anzitutto andrebbe spiegato, cosa che non è per nulla presente nella dichiarazione sopra riportata, come le precedenti attinta dal programma di Achille Variati2008, cosa si intende per sicurezza.

La sicurezza del lavoro? Quella della cura sanitaria? Quella della crescita culturale? Altre ancora? Sono tante le sicurezze di cui abbisogna una comunità ma a Vicenza, da un decennio tra le tante vi è anche una “insicurezza” della strada per via delle costanti buche, dei marciapiedi che paiono a volte dei percorsi di guerra, delle piste ciclabili che ci intersecano con marciapiedi, brandelli di strada, passaggi pedonali.

Ma mi soffermo su quella che è maggiormente gettonata, delle insicurezze. La sicurezza personale e quella dei propri beni. Sarà pur vero che le denunce di reati sono diminuite. È legittimo, comunque, pensare che siano diminuite anche perché le persone colpite da piccoli furti o altro ancora non presentano più la denuncia, proprio perché ormai assuefatte alla realtà della inutilità di denunciare l’ennesima bicicletta sparita, oppure le siringhe trovate in un prato, qualche oggetto sparito dal proprio giardino e cose del genere. Però i reati un poco più robusti ci sono, ci sono le rapine e ci sono le truffe specie agli anziani.

Ma al di là di questo esiste ancora l’assoluta mancanza di sicurezza nel godersi parchi e giardini pubblici, spesso occupati stabilmente da gruppi che non generano per nulla tranquillità. Dieci anni or sono ci si prometteva di darci quella sicurezza che si esprimeva, a detta del sindaco Variati, in troppe paure, eppure queste paure sono certamente aumentate e anche questa avventata promessa è rimasta tale e quale: una barzelletta.

Nota: Quella parte dei testi qui riportati in corsivo è del giugno 2008 e appartiene alle Linee programmatiche di governo relative al mandato amministrativo 2008-2013e presentate in Consiglio Comunale il 20 giugno 2008 con la firma del sindaco Achille Variati

Share This Post

Post Comment