Museo di Arte Contemporanea a Vicenza? Pazzia

Museo di Arte Contemporanea a Vicenza? Pazzia. Leggo un titolo che mi suona quasi come una imprecazione. Vi è un signore, non di poco conto che afferma, con tono perentorio: “Vicenza non ha bisogno di un nuovo museo, ha già la pinacoteca di palazzo Chiericati, che alla conclusione dei lavori del terzo stralcio potrà esporre opere che abbracciano sette secoli, un arco di tempo tra il Duecento e i primi anni del Duemila. Vicenza ha già diversi musei privati, si può permettere un solo museo rilevante, che per noi sarà…

Read More

Buchi nel pavimento della Basilica Palladiana, stress da successo

Buchi nel pavimento della Basilica Palladiana, stress da successo. Salone da riparare! A leggere il Giornale di Vicenza il vicesindaco Jacopo Bulgarini d’Elci dà una lettura leggera agli inconvenienti riscontrati, almeno dalla stampa,  a fine gennaio di quest’anno e  ne  scrive, elencandone i problemi, la giornalista Laura Pilastro il 1° febbraio :”il primo riguarda  il rivestimento “alla veneziana ( ovverossia il pavimento- ndr) del grande salone del gioiello palladiano. Sono  decine i segni  di usura del pavimento, localizzati in vari punti : si va dalle piccole crepe che si snodano…

Read More

Torrione Porta Castello. La storia di Tosetto continua

Torrione Porta Castello. Partiamo da un elemento indiscutibile: un Mecenate, che nel campo dell’arte, come in ogni altro settore intenda operare a favore della società, è sempre un fatto positivo. Meno positivo, ma questo è indipendentemente dal donatore, è il modo, i tempi, i valori che ogni amministratore, e ogni cittadino considera necessari e fondamentali nel valutare il dono. Per una pubblica amministrazione non sempre è calzante il detto “ a caval donato non si guarda in bocca”. Direi che controllare la dentatura del cavallo è un  dovere oltre che…

Read More

Buona sanità in Veneto e Sistema dei Servizi alla Persona

Buona sanità in Veneto è un dato confermato, grazie all’esistenza di comunità ben funzionanti sul piano sociale. Sulla salute dei cittadini l’assetto dei servizi socio sanitari influisce, per l’OMS,  sullo stato di per non piu’ del 20%. Influiscono in modo rilevante lo stile di vita, la condizione socio economica,l’assetto dell’ambiente e,evidentemente, la genetica. É importante, infatti,come una comunità si organizza e garantisce una buona qualità di vita. Avere un buon reddito,una scolarità ed un livello culturale medio alti,un lavoro sicuro, un ambiente libero da agenti inquinanti ; potersi muovere senza paura…

Read More

Marchingegno di Bulgarini d’Elci e Fondazione Roi

Marchingegno di Bulgarini d’Elci e questione Fondazione Roi. Traggo da un articolo di Cesare Galla, attento osservatore e acuto commentatore delle vicende vicentine, e non solo  di quelle relative alla musica, pubblicato su VVOX  il 23 luglio 2015 questo capoverso: “Marchingegno: “ordigno ingegnoso, congegno complicato; in senso figurato, espediente abile e astuto, trucco ingegnoso” (Vocabolario Treccani online). Il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci usa questa parola, “marchingegno”, per definire con manifesta soddisfazione la complessa operazione che ha portato ad avere dopo due anni di “vacanza” un direttore…

Read More

Matrimonio omosessuale: alcune domande alla Chiesa vicentina

Matrimonio omosessuale. In quale parte del Vangelo si parla di ciò? Siamo in una fase di incertezze profonde, anche la Chiesa ha dovuto rivedere proprie posizioni presentate, in passato, come dogmi irrinunciabili. Ma dove sono i punti fermi, i pilastri valoriali sui quali si fondano le nostre società civili e religiose? C’è qualcuno che indica la via oppure ognuno si costruisce una tavola delle leggi per conto proprio? A vedere e sentire alcuni sacerdoti e alcuni vescovi pare proprio che ogni giorno si improvvisi qualcosa di nuovo, che seppellisce le…

Read More

Torrione di Porta Castello: il Comune non abbia esitazioni

Sul Torrione di Porta Castello, sulla questione se debba o non debba entrare a far parte del Patrimonio della Città di Vicenza, si sta leggendo molto in queste ultime settimane. Ho pensato di rammentare che Franco Barbieri, nel 2011, diede alle stampe, con il Progetto editoriale dell’Ufficio Unesco del Comune e con la collaborazione di Italia Nostra-sezione  vicentina, un testo molto piacevole alla lettura ma ancor più interessante Il libro del prof. Barbieri si intitola “Vicenza: La cinta murata – Forma urbis. Non mi è dato di sapere se è…

Read More

Dismissione immobili Vicenza: la corsa dell’Amministrazione Variati

Dismissione immobili Vicenza, sulla vicenda l’Amministrazione Variati insiste nel procedere a gamba tesa. La documentazione, relativa all’iter e  alla conclusione dello stesso, pare raggiunga, delibera di giunta  compresa, una quantità notevole di pagine. Naturalmente raggiungibili, presumo, abbastanza facilmente dagli addetti ai lavori, ma molto difficilmente dalla maggior parte dei cittadini, senza contare la difficoltà di comprensione del linguaggio tecnico. Qualcuno potrebbe osservare che questa è materia affidata a una Giunta, a un Consiglio Comunale, ai tecnici  e ai consulenti. In linea generale certamente sì, ma qui vi è un  aspetto…

Read More

Fondazione Roi e la difesa tardiva di Bulgarini d’Elci

In relazione alla Fondazione Roi, il Vicesindaco di Vicenza, il  signor Bulgarini D’Elci, esce sui mass media con una dichiarazione molto precisa e puntuale, che ha un solo difetto. Dichiara – riporto dal Corriere  del Veneto – che «L’obiettivo di tutti, ed in primis del consiglio di amministrazione attualmente in carica e pienamente efficace fino all’anno prossimo, deve essere tutelare la Fondazione Roi e difenderne la vicentinità ». Il difetto sta proprio nel fatto che  dica oggi  quello che non ha detto in tanti anni, prima nei pressi della stanza dei bottoni…

Read More

Edifici abbandonati: vuoti a perdere a Vicenza

Edifici abbandonati, contenitori vuoti: che farne? Com’è noto da cronache più che decennali, Vicenza è  piena di “vuoti”. Si tratta di edifici (a volte complessi edilizi di grandi dimensioni e quasi sempre storici) un tempo adibiti ad attività pubbliche poi cancellate o decentrate in nuovi contenitori periferici. L’elenco sarebbe lungo, ripetitivo e inutile. Di conseguenza, il centro storico della città si è trovato svuotato di funzioni istituzionali, con conseguente abbandono anche di attività professionali collegate e perfino di residenza. La tendenza continua in progetti, ad esempio comunali, che prevedono sempre…

Read More