Amministrative Vicenza 2018 In Evidenza 

Prof. Villa e la sua Didakè sas: si faccia luce sulla gestione

Riportiamo la domanda di attualità con richiesta di risposta scritta  presentata da Francesco Rucco al Sindaco e al Presidente del Consiglio comunale a seguito dell’articolo apparso su VicenzaPiù, articolo che più sotto pubblichiamo


Al Presidente del Consiglio Comunale
Dott. Federico Formisano
Palazzo Trissino
Corso Palladio  n.98
36100 Vicenza

Al Dott. Achille Variati
Sindaco di Vicenza
Palazzo Trissino
Corso Palladio  n.98
36100 Vicenza

Oggetto : Chiarimenti sul rapporto con il Prof. Villa e la sua Didakè sas.

DOMANDA DI ATTUALITA’

Il sottoscritto Consigliere Comunale, Francesco Rucco appreso da il giornale on line VicenzaPiù del 20 aprile scorso che in un articolo a firma del suo direttore si producono interessanti informazioni fornite dall’Università di Bergamo circa il rapporto del Comune e della Fondazione Roi con il professor Villa (articolo riprodotto in calce alla presente).

Come è noto, tale rapporto è stato fin dall’inizio impostato nella assoluta confusione dei ruoli e nella mancanza di chiarezza istituzionale.

Dalla risposta dell’Università si evince:

  • che il prof. Villa non è “direttore onorario del museo” e che la sua permanenza nel Cda della Fondazione Roi, come membro di diritto, è contraria allo Statuto della Fondazione. Infatti, tale Statuto, al comma 3 dell’art. 6, prevede che il membro di diritto sia il “Direttore pro tempore del museo” e non si parla affatto di direttore scientifico (carica che non esiste) né tantomeno di  “direttore onorario”. Come è chiarissimo dalla documentazione comunale che riguarda gli incarichi dirigenziali, il direttore pro tempore del museo è la Dott.ssa Loretta Simoni;
  • che l’Università sta approfondendo il rapporto con la società Didakè dello stesso prof. Villa. Infatti, attraverso tale società il prof. Villa organizza mostre presso altre strutture (es: il Castello di Mirandolo di San Secondo di Pinerolo) con opere prestate gratuitamente dal Museo Chiericati di Vicenza, di cui lo stesso prof. Carlo Federico Villa è “direttore onorario”. In tal modo realizzandosi un evidente conflitto di interessi.

Tutto ciò premesso :
si  ritiene che da quanto espresso in  premessa emerga ancora una volta la gestione poco trasparente di un importante comparto della Cultura vicentina. Ci riserviamo di portare ulteriori elementi dopo che l’Università di Bergamo avrà ultimato gli accertamenti in corso.

Pertanto si

CHIEDE

con risposta scritta e in aula

al Sindaco di conoscere

  • quale siano le intenzioni della Amministrazione Comunale riguardo a quanto riportato dal giornale Vicenza Più,  e nello specifico,  in relazione alla presenza del prof. Villa  nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione Roi;
  • di chiarire  pienamente  la natura  della nomina del prof. Villa a “direttore onorario” specie con riferimento alle attività esterne (ad esempio mostre) collegate  alla Pinacoteca di Vicenza ed al probabile conflitto di interessi;
  • di dare la massima trasparenza alla vicenda relativa alla ditta Didakè  della quale il prof. Villa viene indicato quale socio accomandatario rammentando  il  sotto riportato testo tratto  dal sito del Comune del 21/07/2015 , all’ultimo capoverso “ A poco a poco vanno quindi a comporsi i tasselli che daranno vita ad un museo di nuova generazione la cui crescita sarà accompagnata dalla professionalità del professor Villa  che collaborerà insieme alla società Didakè S.a.s. di Villa G. & C. di Torino che si occupa di progettazione museale.

Si ringrazia e si porgono distinti saluti.-

Francesco Rucco

Capogruppo Idea Vicenza


Riprendiamo l’articolo di Coviello apparso su Vicenza Più il 20 aprile 2017, talmente esaustivo da non necessitare di alcun commento.


Fondazione Roi di ex pres. Zonin, Università di Bergamo ci risponde: non sa di pagamenti a prof. Giovanni Villa tramite sua Didakè sas e sta procedendo ad “approfondite verifiche per conseguenti ed eventuali provvedimenti “VICENZA PIU’ 19/20 APRILE 2017

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile)

Il 7 aprile scorso abbiamo pubblicato una serie di domande inviate il 2 all’Università di Bergamo “sul prof. Giovanni Carlo Federico Villa, dal 2013 operante al Chiericati per conto dell’Università degli Studi di Bergamo, che per questo aveva firmato una convenzione retribuita con 40.000 euro dal Comune di Vicenza, e poi in proprio, dal 2015 come direttore tecnico pagato 30.000 euro dalla Fondazione Roi e, ora, direttore onorario e volontario con diritto, stabilito dallo Statuto della Roi per il direttore, di sedere nel Cda della Fondazione stessa“. Le stesse domande le avevamo fatte anche al professore che mai ha risposto mentre l’Università di Bergamo, dopo aver chiesto qualche giorno per le opportune verifiche lo ha fatto prontamente il 10 aprile a firma del Direttore generale dr. Marco Rucci.

Abbiamo fatto qualche altra verifica, scambiando qualche altra mail col dr. Rucci e attendendo altre informazioni sui (presunti) contributi della Fondazione Roi dell’ex presidente Gianni Zonin al Museo Chiericati chieste al comune di Vicenza, che, dopo qualche resistenza, ce le ha fornite.

Ora le stiamo mettendo in ordine prima di farvele conoscere, sono sconvolgenti, ma oggi pubblichiamo le risposte, non meno “significative” dell’Università di Bergamo, così chiare che c’è solo da attendersi che Giovanni Villa lasci subito il cda della Fondazione Roi e il ruolo attribuitogli da Jacopo Bulgarini d’Elci e da Achille Variati che chiamiamo a rispondere della vicenda che non possono non conoscere e che di sicuro hanno, a dir poco, condiviso.

Ebbene le domande erano

1 – se corrispondesse al vero l’autorizzazione a fare il “direttore onorario volontario” del museo

2 – se anche per l’incarico retribuito con 30.000 euro l’anno precedente, grazie alla “triangolazione” con la Fondazione Roi, il prof. Giovanni Carlo Federico Villa avesse chiesto all’Università di Bergamo l’autorizzazione di cui al punto precedente

3 –  quali fossero i motivi dell’accettazione della revoca a metà 2015 da parte del Comune di Vicenza di una convenzione triennale da 40.000 euro all’anno firmata a fine 2013 con l’Università di Bergamo, anche se questa revoca comportava la probabilmente dannosa rinuncia a un introito diretto presumibilmente a favore del prof. Giovanni Carlo Federico Villa, che avrebbe fornito personalmente i servizi prima “convenzionati” con l’Università da cui dipendeva e dipende

4 – se l’essere socio accomandatario della Didakè di Villa Giovanni Carlo Federico &c. ed essere curatore di mostre, tra cui quella recentemente in corso con ingresso a pagamento al Castello di Miradolo di S. Secondo di Pinerolo (To) con opere “prestate” gratuitamente dal Museo Chiericati, di cui il prof. Giovanni Carlo Federico Villa è “direttore onorario”, fosse tecnicamente e legalmente compatibile col suo ruolo di docente universitario e direttore del CAV universitario, Centro di Arti Visive.

La risposta secca è stata:

“Con riferimento alla Vs. richiesta di informazioni relative al Prof. Villa, professore associato a tempo pieno presso il Dipartimento di Lettere, Filosofia, Comunicazione del nostro Ateneo si riscontra quanto segue.

– Il Prof. Villa è stato autorizzato, con provvedimento rettorale prot. n. 802/VII/4 del 9.1.2017, a svolgere l’incarico extra-lavorativo gratuito di Direttore scientifico dei Musei civici di Vicenza dal 1.12.2016 al 31.12.2017. (risposta ovvia al punto 1 con una annotazione: direttore scientifico, scrive il dg, non onorario, come contrabbandato a Vicenza per farlo rimanere, comunque con dubbi di liceità, nel Cda Roi con un trucco da tre carte, ndr)

– Agli atti risulta altresi’ la stipula di una Convenzione quadro tra l’Università di Bergamo e il Comune di Vicenza sottoscritta dal Comune in data 6.12.2013 e dall’Università in data 9.12.2013 a cui però non ha fatto seguito alcun accordo attuativo, né vi è traccia, agli atti dell’Ateneo, di “revoche” da parte del Comune di Vicenza. (risposta meno ovvia al punto 3, ne parleremo…, ndr)

– Stiamo inoltre procedendo ad approfondite verifiche in relazione alla segnalazione pervenuta sulla so cietà “Didakè sas” per i conseguenti ed eventuali provvedimenti. (risposta a punto 2 e 4, ndr)

A proposito… avevamo chiesto come punto 5, anche al Rettore e al direttore del Dipartimento, “un parere, anche se non tecnicamente indispensabile, delle autorità accademiche e gestionali preposte dell’Università degli Studi di Bergamo che chiarisca la posizione complessiva dell’Università stessa sulla vicenda sinteticamente illustrata”.

Il parere del direttore generale Rucci, quello che ufficialmente poteva esprimere, ci sembra chiaro e netto nella sua terza risposta cumulativa.

Non sappiamo se quelle verifiche, dall’esito certo per noi che abbiamo i documenti, porteranno l’Università di Bergamo a far comprendere con “provvedimenti” inequivocabili al sig. Villa cosa significhi essere “professore associato a tempo pieno“.

A Vicenza c’è chi rimproverava al prof. Marco Goldin di organizzare mostre commerciali, ma lui le organizza alla luce del sole, mentre le ambizioni della giunta Variati di sostituirlo con Villa si sono infrante nel richiamo in ginocchio di Goldin.

Chissà se almeno lui sa se è stato pagato da qualcuno da fine 2013 fino all’accordo con la Roi di metà 2015 il “commerciale” low cost Villa, ora “volontario” da direttore e da membro del Cda Roi, da cui non si vuole dimettere, anche se grande organizzatore con i quadri gratuiti del Chiericati della mostra di Pinerolo.

Perchè pagato, vi chiederete?

Ma se Villa si è autoincensato per fare nel 2017 il volontario, a più di tre anni di distanza dalla convenzione fantasma strombazzata a fine 2013 ai quattro venti da Bulgarini, cosa vi fa supporre che, se avesse supportato gratuitamente il vice di Variati in quel primo periodo, non lo avrebbe sbattuto in faccia ai vicentini sul loro foglio quotidiano?

Ovviamente dopo aver chiesto il permesso alla sua Università, cosa che fa sempre correttamente.

Ma solo quando non riceve un compenso…

Related posts

Leave a Comment