Amministrative Vicenza 2018 In Evidenza 

Bulgarini d’Elci, Balbi o dalla Pozza: chi deve occuparsi del verde cittadino?

Il quotidiano locale dedicava, giorni addietro, quasi una pagina intera a Campo Marzo, ma non per raccontarci  gli avvenimenti ricreativi organizzati dal Comune oppure la faccenda della Ruota Panoramica che doveva esserci  ma non ci sarà, cosa questa che pare accada  abbastanza sovente, come tante altre promesse della Amministrazione Variati che  fa suonare trombe e tamburelli e poi scompaiono nel nulla. Assolutamente no. Ci  racconta  con immagini, titoli, sottotitoli e testi, del degrado.

Questa volta si tratta di  tappi di birra e delle  bottigliette di vetro che la contenevano.
Pare che  vi siano state  “segnalazioni di residenti e commercianti  che si lamentano per i rifiuti abbandonati da ragazzi che stazionano tra viale Ippodromo e via Verdi”.
Che  siano gli “sbandati” ragazzi  nostrani o extracomunitari poco importa. Il problema  è che  Campo Marzo  è diventato l’emblema dell’incuria  cittadina.

La Giunta Comunale è formata da 9 membri, compreso il sindaco che,  visti i molteplici  impegni che  ricopre (sindaco del capoluogo, presidente della provincia, presidente dell’UPI, ovverossia l’associazione delle provincie italiane, membro del consiglio di presidenza dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e infine componente del CdA della  Cassa Depositi e Prestiti) non può certo  occuparsi anche  dei tappi di bottiglie di birra  sparsi a piene mani in Campo Marzo.

Ma  altri dovrebbero per lo meno dare un’occhiata  al verde  cittadino in base alle deleghe che il Sindaco, prudenzialmente, ha dato loro.

Chi più chi meno dovrebbero occuparsene  innanzitutto il vice sindaco sig. Bulgarini D’Elci delegato alla crescita  della città, e almeno Campo Marzo, in costante decrescita,  fa ancora  parte della città. Poi l’assessore dott.sa Cristina Balbi  la cui delega  comprende esattamente questo compito : “arredo urbano e verde pubblico”. Ancora il dott. Antonio Marco dalla Pozza che è titolare di una delega robusta che recita “Progettazione e sostenibilità urbana esercizio di funzioni nell’area dell’urbanistica, mobilità, ambiente, politiche energetiche, pianificazione del verde ecc. ecc- Più chiara  e aderente di così al problema  è cosa difficile  da trovarsi altrove.

Ma poi  vi è anche il dott. Dario Rotondi con una delega che lo “legittima l’esercizio di funzioni nell’area della sicurezza e protezione civile” e dal quale dipende  il Corpo  di Polizia Locale comandante compreso.

Ma non basta ancora. Il sindaco, per  dormire qualche volta tranquillo, assegna una delega a un giovane e volonteroso Consigliere Comunale che  dal 21 marzo del 2014 dovrebbe essersi occupato di “studio e progettazione di attività per assicurare la promozione e lo sviluppo dell’area di Campo Marzo”.

Ma tutti questi signori sembra  non abbiano avuto un momento di tempo per dare un’occhiata a Campo Marzo, ma anche, da quel che narra il Giornale di Vicenza, nemmeno di dare ascolto alle segnalazioni dei residenti e dei  commercianti.

Fortuna che se ne occupa la stampa altrimenti qualche improvvida famigliola, in base alle rassicurazioni date da alcuni componenti della Giunta, avrebbe potuto portare i figlioletti a farsi qualche corsa sul “manto erboso diventato una distesa di corone metalliche”.

Per nulla divertente.

Mario Giulianati

Related posts

Leave a Comment